Autore: Lucia Motolese

Petulante e tragicomica, non sa parlare di sè se non in terza persona: agisce ma non si identifica con l'azione. Parla per dare aria alla bocca, scrive per sgranchire le dita, mangia per sentirsi piena e specula sulla veglia per evitare di morire.